Distributore prodotti Termoidraulici e Industriali

LA “NUOVA” NORMA UNI 7129:2015

LA “NUOVA” NORMA UNI 7129:2015
LA “NUOVA” NORMA UNI 7129:2015

Principali novità

INTRODUZIONE
La necessità di una complessiva revisione della UNI-CIG 7129:2008 nasce dalla necessità di adeguare la norma al cambiamento di scenario derivante dalla:

  • entrata in vigore del Regolamento “Eco-design” 813/2013;
  • conseguente e progressiva sostituzione di generatori esistenti;
  • progressiva introduzione di fonti rinnovabili (Direttiva RES + EPBD + incentivi).

A partire dal 26/09/2015, infatti, i fabbricanti di caldaie a gas potranno immettere sul mercato solo:

  • caldaie con rendimento stagionale ≥ 86% (caldaie a condensazione);
  • caldaie di tipo B1 per sola sostituzione su CCR esistenti con rendimento stagionale ≥ 75%.
  • o La deroga è valida per:
  • Caldaie per solo riscaldamento (P ≤ 10 kW);
  • Caldaie combinate (P ≤ 30 kW)

Alle 4 parti dell'edizione 2008 se ne è aggiunta una quinta che riguarderà lo scarico delle condensa (la norma 11071 verrà pertanto ritirata). Lo scopo è quello di rendere più chiare le parti che nel 2009 furono oggetto di diversi quesiti posti al CIG.
Sui criteri di accertamento, l’entrata in vigore della “nuova” 7129 avrà alcune conseguenze. Queste le principali:
  • vengono meno l’obbligo del pozzetto ispezionabile nell’interramento dei giunti meccanici o filettati e l’obbligo della scatola ispezionabile per le giunzioni sottotraccia (l’obbligo rimane solo per i rubinetti);
  • gli apparecchi di tipo A installati all’esterno devono rispettare le regole dello scarico a parete.

PARTE 1 – Impianto interno

Le principali novità riguardano :
  • l'introduzione di nuovi materiali (giunti a pressare, sistemi multistrato, sistemi PLT-CCST). Le specifiche tecniche UNI TS 11147, 11340, 11343 saranno ritirate. L’inserimento dei loro contenuti nella UNI 7129-1, assieme alla nuova parte 5, darà modo di avere un unico riferimento normativo per gli impianti domestici alimentati a gas;
  • una migliore identificazione delle "zone contatore" (PdR) di pertinenza dell'impresa distributrice e di pertinenza dell'utilizzatore finale. Inserite nella UNI 7129-1 anche delle nuove figure rappresentanti il rubinetto “punto di inizio” a squadra in modo da chiarire che non necessariamente il rubinetto deve essere dritto;
  • le nuove modalità di installazione di "asole tecniche ad uso promiscuo ", manufatti orizzontali o verticali nei quali possono essere alloggiati anche altri servizi;
  • la riduzione dei tempi previsti per il collaudo degli impianti e l'inserimento di una maggiore tolleranza nella lettura. In tal modo è stato acclarato che la tolleranza assoluta non esiste.
PARTE 2 – Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

Sono stati modificati i punti della norma relativi ai locali di installazione non presidiati (locali che non vengono "visitati " per molto tempo come soffitte, sottotetti, locali tecnici, etc.,) che verranno dotati di sistemi permanenti di aerazione.
In presenza di locali con apparecchi GPL che comunicano tramite scale con locali sottostanti, l'installazione è subordinata alla realizzazione di dispositivi che impediscano al gas, in caso di fughe, di insinuarsi nei locali sottostanti. Nella norma sono riportate alcune figure tese ad illustrare possibili soluzioni da adottare.
E’ in questa parte della norma che vi sono le maggiori prescrizioni e novità per gli apparecchi, novità che si possono sostanzialmente riassumere come segue:
  • installazione di apparecchi di tipo B11 in locali ad uso bagno e gabinetti;
  • installazione di apparecchi di tipo B11 in presenza di apparecchi alimentati a combustibili solidi;
  • apparecchi alimentati a GPL (è vietata l'installazione di apparecchi alimentati a GPL in locali con pavimento al di sotto del piano di campagna);
  • razionalizzazione della struttura e delle formule di calcolo delle aperture di ventilazione ed aerazione.
PARTE 3 – Sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione
E' stata inserita la possibilità di evacuare i prodotti della combustione attraverso canne collettive in pressione positiva con dispositivi che non permettono il ritorno dei prodotti della combustione negli apparecchi non in funzione.
E’ una prescrizione dovuta dall’introduzione di alcune direttive comunitarie (Direttive Ecodesign ed Ecolabeling con i conseguenti Regolamenti 811, 812, 813 e 814) che dal 26 settembre scorso non permettono più l’immissione in commercio di caldaie tradizionali di tipo C. Ne conseguirà pertanto una diffusione massiccia di caldaie a condensazione
Nel caso di sostituzione di un apparecchio collegato ad una canna collettiva esistente è necessario garantire la compatibilità dell’intervento relativamente a:
  • apparecchi allacciati similari;
  • funzionalità dell’intero sistema.
Per quanto riguarda la definizione di “apparecchi similari” va considerato che:
  • non sono “similari” apparecchi convenzionali di tipo C e apparecchi a condensazione di tipo C;
  • sono similari se appartengono ad un insieme di apparecchi in cui il rapporto fra le portate termiche nominali massime non risulti minore di 0,7.
Le canne collettive in pressione positiva sono di fondamentale importanza per:
  • il rifacimento delle canne fumarie esistenti con contestuale sostituzione di tutti gli apparecchi collegati con apparecchi a condensazione;
  • l’installazione di apparecchi a condensazione unifamiliari in edifici multifamiliari di nuova costruzione.
La nuova UNI 7129-3 ha fissato i criteri per l’utilizzo «in sicurezza» dell’asola tecnica asservita ad un sistema per intubamento anche in presenza di tubazioni dell’acqua e di altri fluidi non combustibili (es.: acqua glicolata).

PARTE 4 - Messa in servizio degli impianti/apparecchi

Non ci sono modifiche sostanziali.

PARTE 5
Trae origine dalla norma UNI 11071 e non impone, a differenza di questa che, come abbiamo già detto, andrà ritirata, lo scarico delle condense direttamente nelle fognature. Vengono lasciate aperte altre possibilità di scarico purché nel rispetto della legislazione vigente.

UNI 11071:2003
Gli apparecchi a condensazione devono sempre essere collegati all’impianto smaltimento acque
reflue domestiche a mezzo di un opportuno collegamento.
(…..)
Lo scarico delle condense deve avvenire in apposito impianto di smaltimento delle acque reflue domestiche nel rispetto della legislazione vigente in materia e tenendo in considerazione i regolamenti locali.

UNI 7129-5:2015
Il sistema di scarico delle condense può essere
collegato ad un impianto di smaltimento reflui domestici

2014 - © D'Orazio Web. All rights Reserved

fides         genio